23 Octobre 2008 : COMMUNICAZIONE GRATUITO : IL VIDEO PROTAGONISTA A LA VILLA MEDICI A ROMA ( ITALIA )

Italy_Flag ARTE CONTEMPORANEA - VIDEO -

Il video protagonista a Villa Medici a Roma

VILLA_MEDICIS_DE_ROMA  VILLA_MEDICIS_A_ROMA_2  VILLA_MEDICI_3_A_ROMA

JEAN-PAUL FARGIER E ANNEMARIE DUGUET

28-29 ottobre 2008 | progetto a cura di valentina valentini | in collaborazione con il dipartimento di arti e scienze dello spettacolo (università di roma, la sapienza) | villa medici | roma


A Villa Medici ( sala cinema) il 28 e 29 ottobre due fitti programmi dedicati ad artisti che utilizzano il video come mezzo espressivo e a opere che sperimentano i dispositivi specifici delle tecnologie elettroniche e digitali, presentati da due dei più significativi studiosi e "creatori" francesi dell'arte video; Jean-Paul Fargier e AnneMArie Duguet.

Dall'arte video al cinema, passando per la televisione è il titolo che lo studioso, critico e regista francese Jean_ Paul Fargier, che insegna video e televisione presso l'università di Paris 8 ( Vincennes/Saint-Denis) ha dato al palinsesto di opere video da lui stesso realizzate dagli anni ottanta a oggi che presenta nella sala cinema di Villa Medici il 28 ottobre a partire dalle 18. Come lui stesso scrive, " Cineasta indipendente negli anni settanta e poi regista di televisione, ho cercato d'importare nel campo televisivo le "sperimentazioni" della video arte" che, secondo la sua formula, "è la coscienza stessa della televisione".

Sono previsti due pomeriggi consecutivi in cui le proiezioni si alternano ai commenti sulle opere , sulle circostanze di produzione, sulle personalià degli artisti di cui ricostruiscono il percorso , compongono il ritratto, fermano gli ultimi giorni di vita, da Nam June Paik a Antoni Munadas, da Michael Snow a Philippe Sollers, da Jean Daniel Pollet a Thierry Kuntzel e Fujiko Nakaya. Si tratta. di opere video, quelle realizzate da Fargier, trasmessi dai canali della televisione francese, una televisione intelligente che coniuga" le potenzialità specifiche, spesso mal esplicitate, della televisione", con tematiche che sembrano tipiche dell'inchiesta televisiva ( la masturbazione, il sesso, Sollers che recita il suo romanzo IL Paradiso) e che di fatto la rovesciano per l'ironia e la spregiudicata invenzione di un nuovo linguaggio audiovisuale.

La collana Anarchive di DVD e DVDRom ideata, curata e realizzata da AnneMArie Duguet, docente di Arte e Tecnologie all'Università di Paris 1, Pantheon-Sorbonne , è un originale esperimento sul concetto di archivio che va oltre l'idea del documento da conservare per esplorare , scrive la studiosa: "l'insieme delle opere di un artista partendo da diversi archivi. Il suo obbiettivo è di far conoscere una parte essenziale delle pratiche artistiche contemporanee : istallazioni, azioni, performance, video, interventi nello spazio pubblico. Opere spesso di natura, effimera che resistono ai mezzi di riproduzione e di documentazione convenzionale, e che non sempre sono oggetto di descrizioni precise, anzi , sono per lo più dimenticate, per cui la costituzione di una banca dati e l'analisi delle opere è anche un modo per costituire la loro memoria"

28 ottobre , opere di Jean-Paul Fargier: Dall'arte video al cinema, passando per la televisione

PLAY IT AGAIN, NAM (26'), Canal plus, Ex Nihilo - 1989
All'inizio, c'è Nam Jun Palk, il fondatore dell'arte video.
L'ho studiato molto, commentato con degli scritti e anche romanzato. Il ritratto di immagini si diverte a trovare delle rime tra le invenzioni di Palk e i principi della televisione al ritmo di un piano in 3D creato per l'occasione. Umorismo, narcisismo e pedagogia.

L'ORIGINE DU MONDE (26'), Arte, Ex Nihilo - 1996
All'inizio c'è il sesso. L'audacia di Courbet di rappresentare, senza veli, il sorriso verticale di una donna (ma quale?) è scrutata in tutte le sue ramificazioni attraverso la storia dei proprietari del quadro, per lungo tempo dissimulato, che tutto il mondo può vedere oggi al Museo di Orsay, Sesso, suspence e rivelazione.

M. la maudite (52', extratits), Arte, Ex Nihilo - 2007
L'inseminamento è al centro dei dibattiti sulla masturbazione. Seme perso che avvilisce l'atto solitario per i suoi censori. Seme senza seguito, esalta alcuni praticanti. Chi tra i preti o i filosofi (dell'Illuminismo) hanno gettato l'ostracismo su questo "pericoloso supplemento" (Rousseau)? Due adolescenti di oggi dibattono la questione con l'umorismo e la serietà dei cibernauti.
Scambiano argomenti artistici, filosofici, storici e sociologici su M. la maudite, grazie al sito internet creato per questo documentario-fiction. Masturbazione, erudizione e liberazione dal senso di colpa.

20h
Dal cinema post televisivo

SOLLERS AU PARADIS (13'), 1980 - 1983 (Centre Pompidou)
Concepito come un telegiornale, dopo l'Apocalisse, questo video riguarda lo scrittore Philippe Sollers, mentre recita il suo testo fiume, "Paradiso", in mezzo al crepitio d'immagini multiple, il cui montaggio si ispira sia all'opera video di John Sanborn e Bob Ashley sia al film "Méditerraneo" di Jean-Daniel Pollet. L'interpretazione dal vivo durava più di un'ora e fu ripetuta in una ventina di città del mondo, compresa Roma nel dicembre del 1981. Poi l'exploit fu ricostruito in studio. Incrostazione, performance e teologia.


JOUR APRES JOUR, un film di Jean-Daniel Pollet, in collaborazione con Françoise Geissler, musiche di Antoine Duhamel, realizzato da Jean-Paul Fargier (65'), 2006, (Ex Nihilo) Un cineasta che sente la sua fine avvicinarsi decide di filmare le sue quattro ultime settimane sulla terra. Ordina un testo a uno dei suoi amici e giorno dopo giorno colleziona le immagini di dove vive (cucina, camera, giardino, casa, libri, animali domestici, compagna). Egli è morto prima di finire il montaggio del film (composto da immagini multiple) che aveva schizzato sul foglio. Il suo amico decise di mettere a confronto tutte le immagini che aveva ricevuto, mese dopo mese e le parole che queste gli avevano ispirato. Ciò dà a sua volta un primo e un ultimo film. Non un film in più, ma un film in meno. Cinema, amicizia e fotografia.


Martedì 29 ottobre ore 18 sala cinema Villa Medici

Anne-Marie Duguet
Anarchive : una collezione di archivi numerici sull'arte contemporanea, sia c reazione che documento, una collezione di DVD, DVDRom, libri e progetti Internet, iniziata nel 1995, che permette di esplorare l'insieme delle opere di un artista partendo da diversi archivi. Il suo obbiettivo è di far conoscere una parte essenziale delle pratiche artistiche contemporanee : istallazioni, azioni, performance, video, interventi nello spazio pubblico, opere spesso effimere per natura, che resistono ai mezzi di riproduzione e di documentazione convenzionale, e che non sempre sono oggetto di descrizioni precise, per lo piùdimenticate, per cui la costituzione di una banca dati e l'analisi delle opere è anche un modo per costituire la loro memoria


18. - 20.
Presentazione generale della collezione "anarchive", dal primo titolo :Muntadas Media Architecture Installations (1999) al quarto titolo pubblicato nel 2007: Jean Otth Autour du Concile de Nicée. Proiezione di un film di Muntadas della serie "On translation" :On translation : Miedo Fear Proiezione di una selezione di video di Jean Otth

21. 23.
Presentazione di interfacce e di strutture di DVD-Roms di Anarchive dedicate a Michel Snow, Nam June Paik (non pubblicato), Thierry Kuntzel e Fujiko Nakaya.
Questa presentazione è accompagnata da una scelta di film e di video di questi artisti o da estratti di opere incluse nei diversi progetti.




JEAN-PAUL FARGIER E ANNEMARIE DUGUET
28 e 29 ottobre 2008
Ingresso libero
Accademia di Francia a Roma
Villa Medici
Viale Trinità dei Monti, 1
00187 Roma
www.villamedici.it